Skip to Content

Taille du texte

Current Size: 100%

Chercher

Style de page

Current Style: Standard

Langues

  • Italiano
  • English
  • Deutsch
  • Français
  • Русский

Logo_WiFi_Zone

Wi-Fi_ZONE_Logo_30.png

Verso il Centenario 1915-1918

Version imprimableVersion imprimableversion PDFversion PDF
21/02/2015 16:00

Achille_Beltrame.jpg

 

Sabato 21 febbraio 2015, ore 16.00

Verso il Centenario 1915-18
I campi della gloria: le carneficine
Roberto De Marchi

Spazio Aperto di Via dell'Arco, Via dell'Arco 38 - Santa Margherita Ligure

Ingresso libero

 

Disse Benedetto Croce che "la guerra, già in atto nello spirito europeo, si accese, come guerra combattuta con le armi, in quel punto di Europa dove insieme si agitavano confusi bisogni di libertà nazionale e tendenze nazionalistiche, dove contendevano di supremazia imperialismo austriaco e imperialismo russo; e, accesasi, si dilatò a incendio universale."
Fu così che, 100 anni fa, l'Europa rappresentò il principale teatro della Prima Guerra Mondiale: lo scontro tra grandi potenze per il controllo degli spazi e dei mercati si sovrappose a rivendicazioni di tipo risorgimentale e nazionalistico.

Roberto De Marchi, appassionato cultore di storia, ha approfondito le cause, le vicende e le conseguenze della Guerra, e le propone a "Spazio Aperto" in tre conferenze che si concluderanno alla vigilia di una data significativa, il 24 maggio (quando nel 1915 l'Italia iniziò ufficialmente le operazioni militari).
La Grande Guerra, come venne chiamata perché più grande di tutte le precedenti, con oltre 59 milioni di soldati e più di 8 milioni di morti e 29 milioni di feriti, fu un evento che segnò la fine di un'epoca con il crollo degli imperi asburgico e ottomano e della Russia degli zar.
Vicende complesse nelle quali l'Italia, dopo aver fatto parte della Triplice Alleanza con Germania e Austro-Ungheria, si trovò poi schierata contro queste a fianco delle potenze dell'Intesa, Gran Bretagna, Francia e Russia.

In questo secondo incontro Roberto De Marchi spiega che "La leggenda del Piave", efficace canzone patriottica, non corrisponde alla realtà storica, e si pone soprattutto la domanda "Poteva andare diversamente?"
Mutilati, vedove, orfani, sacrifici di ogni genere erano proprio necessari?
Oggi sappiamo che quella strage poteva essere evitata... ma anche allora molti lo sapevano.

L'incontro ha il patrocinio del Comune di Santa Margherita Ligure
 

Info: spazioaperto.sml@alice.it  0185 696475
www.gazzettadisanta.eu/spazioaperto/