Skip to Content

Grandezza del testo

Current Size: 100%

Cerca

Stile pagina

Current Style: Standard

Lingue

  • Italiano
  • English
  • Deutsch
  • Français
  • Русский

Logo_WiFi_Zone

Wi-Fi_ZONE_Logo_30.png

Concerto Il Tempio delle Clessidre

Versione stampabileVersione stampabileVersione PDFVersione PDF
16/07/2013 21:00

 

L'Associazione ARTime presenta

Martedi 16 luglio 2013 ore 21.00

Concerto rock Il Tempio delle Clessidre

Piazza Martiri della Libertà

In collaborazione con InformaGiovani di Santa Margherita Ligure e Rapallo

Ingresso libero

Logo Artime.jpg

 

Il Tempio delle Clessidre

Formazione italiana che si richiama al sound del rock progressivo degli annitempioclessidre.jpg ‘70, nasce a Genova nel 2006 dall'incontro di Elisa Montaldo, tastierista e compositrice appassionata di rock progressive e Stefano “Lupo” Galifi, il cantante in Zarathustra (il capolavoro progressivo della celebre band italiana Museo Rosenbach). Il progetto prende il nome dal brano presente all’interno della suite Zarathustra. La band esegue l’intero disco Zarathustra dal vivo, cosicché la voce di Stefano può tornare al pubblico con la forza originale e la sua tipica sfumatura blues.
Il gruppo inizia a lavorare su nuove idee per le proprie composizioni: studio, improvvisazione e ricerca sonora sono elementi determinanti per la nascita dell’opera omonima, pubblicata nel settembre 2010 da Black Widow Records nei formati CD e vinile: nelle dieci tracce si scorgono la passione per il progressive, l’hard rock, il doom e la musica sinfonica. La musica è strettamente legata alle immagini, ai testi e alla grafica: il logo è stato progettato come un simbolo, una sorta di sigillo esoterico dove il tempo, lo spazio e l’infinito si fondono nello stesso centro. La copertina descrive l’idea simbolica di un tempo sconosciuto che eternamente ritorna ed è stata sviluppata insieme al bravo disegnatore Maurilio Tavormina con schizzi a matita, bozze, discussioni, studio dei colori ad acquerello, proprio come accadeva in passato.
In questo album convivono luce e tenebre, gioia e momenti oscuri, parti incalzanti e riflessive. Sono stati inoltre inseriti alcuni strumenti acustici per rendere il risultato ancora più caldo e “vero”: chitarra acustica, pianoforte mezza coda, concertina, violoncello, percussioni occasionali e talvolta di bizzarra natura, persino un organo da chiesa per la parte finale della canzone Faldistorum, con lo scopo di dare maggiore misticismo e atmosfera goticheggiante a questa suite strumentale che descrive un Sabba delle streghe. Il disco è in testa alla classifica dei migliori dischi del 2010 sul portale musicale ProgArchives, che lo colloca anche tra i primi 20 album di rock progressivo italiano di sempre.
Il gruppo ha partecipato ad importanti festival a Veruno e Roma con grandi nomi del prog rock italiano (Goblin, Locanda delle Fate, Arti&Mestieri). Ha suonato a Seul (Corea del Sud) l’8 ottobre 2011 e al NEARfest in Pennsylvania (USA) nel giugno 2012. Nell’ottobre dello stesso anno Il Tempio e Lupo decidono di separare le proprie strade artistiche: la formazione viene completata con la voce profonda ed espressiva di Francesco Ciapica e si prepara alla registrazione del secondo album. Nel novembre 2012 il gruppo si è esibito nel corso del festival italiano Progvention e nel famoso locale Spirit of 66 a Verviers in Belgio. Nell’agosto 2013 suonerà in Francia al Crescendo Festival. La musica è una metafora della vita stessa e per Il Tempio delle Clessidre il progressive rock è il miglior modo “musicale” di parlare alle anime sensibili ed intelligenti.
 

Formazione:

Francesco Ciapica: voce
Elisa Montaldo: piano, tastiere, voce, concertina, organo liturgico
Fabio Gremo: basso
Giulio Canepa: chitarra
Paolo Tixi: batteria

 

www.iltempiodelleclessidre.com

www.associazioneartime.it
 

Ultimo aggiornamento 06/07/2013